• Christian Fara nasce il 23 giugno 1983 a Sassari,

    e dopo un fortuito approccio alla danza, decide di farne

    di questa il suo mestiere, con impegno, passione e dedizione.

  

Ha iniziato la propria formazione classica nel 2004 con Giuseppina Perantoni e Valeria Satta a Porto Torres nell’isola della Sardegna , in Italia proprio dove ha vissuto , la formazione contemporanea con Daniela Zuccolotto e Laura Lepori , la modern jazz con Clelia Bazzoni alla scuola “Associazione balletto Classico” di Porto Torres , si trasferisce a Firenze per seguire (dopo gli insegnamenti di Gianni Rosaci , ex direzione artistica dell' Opera di Roma , con successivo giro in Inghilterra) il Corso Professionale Contemporaneo del Balletto di Toscana con figure professionali come: Cristina Bozzolini, Simonetta Giannasi, Barbara Baer, Farida Faggi, Lucia Geppi e Silvia Chirico (classica), con Deanna Losi e Fabrizio Monteverde (contemporanea) e Arianna Benedetti, Giulia Molinari, Daniele Cervino, Ivan Mattioli (modern e hip hop). Nello stesso periododo, per tre anni segue il corso di formazione “Kaos Professione Danza” con Katiuscia Bozza, Eugenio Scigliano, Elena Scotti, Armando Santin, Victor Litvinov (classica) e Roberto Sartori, Eugenio Buratti, Simona Haag, Enrico Morelli, Elisa Davoli (contemporanea), seguendo stage e workshop con Alessandro Bigonzetti, Carole Pastorel, Pompea Santoro, Raffaele Paganini, Arturo Cannistrà, Mauro Bigonzetti, Michele Merola, Mauro Astolfi, Gianni Rosacci, Kledi Kadiu, Garrison Rochelle, Steve La Chance, Maura Paparo, Roberto Tadeu de Azevedo, Laurie Warner, Silvio Oddi.

 

Le esperienze professionali comprendono il ruolo di ballerino solista della Compagnia “Janas” (dal 2004 al 2005) , l’interpretazione de “L’urlo” di Giuseppina Perantoni tra il 2005 e 2006, l’ingresso poi nel 2006 , come ballerino solista e membro stabile della Compagnia “KAOS Balletto di Firenze”. Nel 2006-2007 balla ”Brigata Sassari” di Arturo Cannistrà (ex direttore artistico dell Ater Balletto) al Teatro Verdi di Cagliari, ”Le rime rampanti” di Arianna Benedetti col Balletto di Toscana a Firenze, ”Lo schiaccianoci” diretto da Gianni Rosaci e Giuseppina Perantoni e ”Quarto stato” di Laura Lepori al Teatro Teatro Verdi a Cagliari. Il 2010 è l'anno in cui prende stabilmente la professionalità di coreografo, firmando le sue prime opere per la compagnia KAOS Balletto di Firenze: “Se solo fossi qui” e “Koob” inserite all’interno dello spettacolo “Corpi Celesti” e “Caravaggio” che son state rappresentate in tutta Italia. La coreografia “Amore+Psiche” viene rappresentata nel 2011 nello spettacolo “Aesthetica”.

 

 

Nel 2012 ha presentato "Appleal" una coreografia intensa che verrà successivamente portata sul palcoscenico nello spettacolo "Dal Profondo del Cuore" affiancato dai coreografi Paolo Arcangeli e Roberto Sartori. Nel 2014 invece, cambia radicalmente approccio, da cui ne deriva una coreografia completamente differente : " Storia di un Diverso Qualsiasi ", affiancato dai maestri Robeto Sartori e Michele Pogliani (ex direttore del Rottherdam Ballet) porta in scena lo spettacolo degli "Eretici". Nel 2015 inoltre collaborando con Michele Pogliani nella produzione di "Once Upon A Time" si ritrova a dover presentare una coreografia ispirata ad "Alice Nel Paese Delle Meraviglie" in cui la sua Alice prende le sembianze di una ragazzina affetta da Autismo che ha del mondo una visione distorta tanto da vedere una locomotiva a vapore come un lunghissimo bruco che fuma , con questa riscuote gran successo e un ottimo giudizio della critica. La regia coreografica più importante firmate da lui rimane "Chiara Luce" per lo spettacolo mandato in onda in diretta mondiale. Attualmente insegna anche danza contemporanea e hip hop presso Laboratorio Danza di Montecatini Terme (Pistoia), a Endas Ensemble (Bologna), per Centro Immagine Danza (Quarrata), per Kaos Professione Danza (Firenze).

 

Tiene stage e workshop in tutta Italia.